Sustainability-Lab News > Dai batteri abiti in pelle per animalisti

 

Dai batteri abiti in pelle per animalisti
Pubblicato da Aurora Magni il 25/06/2012 - 0 commenti - visualizzazioni: 1095
  Voto    

 Produrre materiali per abbigliamento da sostanze vegetali, muffe e batteri con un effetto estetico simile alla pelle. Un’idea a cui ha iniziato a lavorare nel 2003 il biologo Daviv Hepworth e che  grazie a una stilista fuori dagli schemi come Suzanne Lee è diventata realtà.

Come è visibile nel video  http://www.youtube.com/watch?v=WVW-jSdhILs ,   la tecnica consiste nel far crescere all’interno di una vasca contenente una soluzione zuccherina al tè verde una coltura mista di microrganismi che sono in grado di fermentare il glucosio presente nella soluzione producendo, come metabolita, delle microfibrille di cellulosa.

Dopo due o tre settimane si forma così una pellicola flessibile di circa 1,5 cm di spessore, che può essere rimossa dal liquido, posta ad asciugare quindi tagliata e cucita. Il materiale, che può essere tinto o stampato come qualsiasi altro tessuto, possiede un enorme vantaggio ambientale: può essere compostato nel momento in cui non lo si vuole più utilizzare.

Suzanne Lee è anche  autrice del volume Fashioning The Future: tomorrow’s wardrobe.


  
Pubblicato da Aurora Magni il 25/06/2012
Archiviato sotto studi/ricerche
Tags

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.
    
Archivio blog