Sustainability-Lab News > - 40% di emissioni di CO2. E la manifattura si interroga sul futuro possibile

 

- 40% di emissioni di CO2. E la manifattura si interroga sul futuro possibile
Posted by Aurora Magni on 14/01/2014 - 3 commenti - view count: 2653
  Rate    

Sono in discussione a Bruxelles i nuovi parametri per la partita energetica  20 20 20 (20% di riduzione delle emissioni sul 1990, 20% di rinnovabili, 20% in più di efficienza) i cui obiettivi erano stati delineati in fase pre crisi. Entro  fine mese la commissione europea dovrà varare il nuovo pacchetto competitività e  l’Europa  -ma soprattutto l’Italia- si presentano all’appuntamento con l’affanno di un’economia che punta alla sopravvivenza e che vede come un ulteriore aggravo un nuovo eventuale impegno ambientale.

A Bruxelles si discuteranno infatti i nuovi obiettivi per la riduzione della CO2 e per la quota di energia rinnovabile. Germania, Francia e Gran Bretagna spingono per innalzare l’obiettivo dell’abbattimento delle emissioni di gas serra al 40% , richiesta che preoccupa i rappresentanti dell’industria manifatturiera energivora ai quali sarà richiesto di sostenere nuovi  investimenti in un momento di elevata criticità.

Intanto, senza energia nucleare e senza aver effettuato adeguati investimenti sulle rinnovabili, l’Italia rischia di ritrovarsi con il cerino in mano e con una manifattura ancora più indebolita.  Gravare ulteriormente sul comparto industriale già provato dalla crisi senza garantire  sostegni economici adeguati suona come un invito a delocalizzare. O a chiudere. Per questo la politica deve fare la sua parte e vedere nei nuovi impegni (se saranno confermati in Commissione) l’opportunità per il rilancio dell’industria dell’energia green o studiare interventi compensativi.

Un dato però deve far riflettere. Secondo il Joint Research Center dell’UE l’Italia, con 390 milioni di tonnellate è al 13^ posto nella classifica mondiale per emissione di CO2 (il primo è occupato dalla Cina con 9860mil. di tonn.). Germania,  Gran Bretagna e Francia sono rispettivamente al 6^ , 9^ e 14^. C’è anche da chiedersi quanto la quota di CO2 sia imputabile ai processi industriali e quanto ai trasporti e ai riscaldamenti delle abitazioni. Insomma, o si interviene a 360° o il rischio è quello di accelerare i processi di deindustrializzazione.


  
Posted by Aurora Magni on 14/01/2014
Filed under fatti/attualità
Tags

Commenti
By Aurora Magni on 17/01/2014 07:30
Ecco come Squinzi commenta la cosa sul Sole di oggi: "i nuovi obiettivi posti in materia di riduzione delle emissioni, sviluppo delle fonti rinnovabili ed efficienza energetica, rischiano di penalizzare ulteriormente le imprese italiane. Imprese già danneggiate dagli impatti diretti e indiretti del Pacchetto 20-20-20, e ciò a fronte della perdurante assenza di un accordo globale vincolante che stabilisca condizioni paritarie tra le industrie concorrenti a livello internazionale.
Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/1svg7



By umberto tunesi on 06/02/2014 23:01
Secondo il Centro Studi Confindustria l'Italia è al 7° posto nella classifica dei Paesi produttori, al 2° nell'UE. Sembra quindi che Paesi che producono di meno producano invece più CO2: forse occorrerebbe pensare anche in termini di medie ponderate.

umberto tunesi


By umberto tunesi on 07/02/2014 09:33
Ed un po' di pseudo umorismo, perché no? "Un' équipe di scienziati ha rilevato che sul territorio australiano, che ospita 27 milioni di mucche, i gas emessi dai bovini sono responsabili del 12% delle emissioni di gas effetto-serra." Forse succede anche in India …

umberto tunesi


You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive