Sustainability-Lab News > A caccia di start up sostenibili. Ecco la prima: Rifò

 

A caccia di start up sostenibili. Ecco la prima: Rifò
Posted by Aurora Magni on 05/11/2019 - 0 commenti - view count: 226
  Rate    

Con questo numero della newsletter ci assumiamo un impegno, piccolo ma significativo: dare visibilità ogni mese a una –ma magari anche più- start up. Perché le start up sono giovani e  simpatiche? Anche. Ma soprattutto perché sono capaci di pensiero creativo e questo serve un po’ a tutti.

Ed ecco la prima. In realtà ha già acquisito notorietà in quanto ‘prima azienda al mondo a fare un maglione con il denim riciclato’. Un maglione, devo dire,  dalla mano morbida e dalla piacevole vestibilità. Stiamo parlando di Rifò, start up pratese avviata da Marco Cipriani che insieme al suo team progetta, disegna, coordina idee e materiali. Il tutto a km 0 (o quasi).

Certo nascere a Prato aiuta a pensare ‘circolare’ ma parlando con Niccolò si capisce quanto sia stato stimolato soprattutto dall’esperienza di cooperazione in Vietnam, un bagno di realtà di due anni che ti fa capire quanto sia importante  pensare al fatturato ma senza dimenticare i valori di un’economia green e solidale. Un’intervista approfondita a Niccolò sarà leggibile sul numero di Technofashion di dicembre.  Qui ci limitiamo a dare rilievo ad alcuni aspetti del lavoro di Rifò che certo non fa solo maglioni di denim (nel negozio/laboratorio compaiono Tshirt in cotone, scialli e cappellini in chasmere, golf in lana, tutto rigorosamente second life) ma che con questa idea è diventato famoso: il maglione di denim.

‘Utilizziamo  scarti di denim  raccolti e inviati ad aziende partner del progetto che trinciano e sfibrano il tessuto per poi cardare e riallineare le fibre e filarlo. –ci spiega Niccolò- Ne otteniamo un filato composto da cotone 95% e 5% altre fibre già presenti nel jeans, solitamente poliestere. Poichè sfruttiamo le nuance cromatiche già presenti nel materiale raccolto non serve aggiungere coloranti e  si risparmiano così acqua, energia e sostanze chimiche di processo con notevole vantaggio per l’ambiente. I risolutati ambientali sono interessanti. Per un singolo maglione in denim si utilizzano solo 80 litri di acqua contro i 3000 litri necessari per un maglioncino in cotone vergine. I consumi idrici si riducono così del 97% e  quelli energetici del 77%. Le emissioni di CO2 si riducono del 95% anche grazie al risparmio  del 100% l’uso di coloranti e prodotti chimici.’

Per saperne di più: https://www.rifo-lab.com/

 


  
Posted by Aurora Magni on 05/11/2019
Filed under fatti/attualità
Tags

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive