Sustainability-Lab News > Abbigliamento spaziale ‘sostenibile’

 

Abbigliamento spaziale ‘sostenibile’
Posted by Aurora Magni on 10/01/2019 - 0 commenti - view count: 315
  Rate    

La rivista Textile Insight ha pubblicato nel numero di dicembre 2018 un articolo interessante riguardante materiali tessili e vita nello spazio. Ne parliamo perché –come già in passato- la ricerca sui materiali hi-tech sviluppa soluzioni in grado di incidere sulla qualità della vita delle persone normali e soprattutto perché, essendo ormai lo Spazio la seconda enorme pattumiera dopo gli Oceani (la terza, se consideriamo anche il suolo terreste), gli scienziati sono sempre più stimolati a ricercare materiali dalle performance ambientali.

E’ il caso anche dell’abbigliamento –ci informa l’articolo- indossato in un ambiente chiuso di piccole dimensioni come un’astronave in cui il corpo umano si surriscalda più facilmente e in cui l’eccessiva sudorazione può provocare  una dispersione di liquidi tale da compromettere la salute dell’equipaggio. Senza dimenticare il problema del cattivo odore che può  rendere seriamente spiacevole la vita nell’abitacolo. I capi sono infatti indossati per un certo numero di giorni  (una settimana l’intimo, due  le Tshirt) e non essendo possibile fare il bucato, a fine utilizzo devono essere gestiti. Come? Riciclandoli? Smaltendoli nello spazio? Inoltre stiamo parlando di tessuti funzionalizzati con sensori e sistemi elettronici e questo rende più complessa la gestione del ‘fine vita’.

I ricercatori dell’ Università di Rhode Island stanno lavorando a questi problemi senza sottovalutare aspetti come il confort e la piacevolezza dei materiali e dei capi più a contatto con la pelle dell’astronauta. Considerato che la missione su Marte prevista per il 2030 coinvolgerà 4 scienziati in una missione lunga quasi 3 anni, progettare con cura il guardaroba non è cosa da poco. E poiché si tratta di un tempo di navigazione davvero impegnativo i materiali tessili devono essere aggiustabili, autopulenti e riciclabili. Di questo i ricercatori sono convinti. Il 2030 inoltre non è poi così lontano.

L’articolo di Emily Warzer è davvero stimolante e introduce un tema che merita di essere seguito: il rapporto sempre più stretto che caratterizza sostenibilità ed innovazione. Solitamente quando si pensa all’inquinamento del cosmo si pensa a detriti di metallo,pertanto  ai materiali tessili non  era ancora stata prestata particolare attenzione. Al riguardo è bene ricordare che nella low Eart orbit, a circa 1200 miglia dalla Terra viaggiano a velocità estremamente sostenute  oltre  20mila oggetti di dimensione superiore a un pollice e 500mila detriti di piccole dimensioni (ca 1 cm) (fonte: Nasa) e che esplosioni, collisioni tra detriti e caduta di materiali sulla Terra sono fenomeni ‘normali’ e da mettere in conto tanto da indurre le agenzie spaziali a guidare -ove possibile-  le precipitazioni   verso aree non abitate del Pianeta (1). Bene quindi che si studi anche la componente tessile in una logica green.

 A noi il riferimento alla vita sulla navicella spaziale e alla necessità di ottimizzare materiali e risorse riducendo al minimo consumi, emissioni e scarti fa pensare anche a un classico della letteratura della sostenibilità: ‘L’economia dell’astronave terra’ di Kenneth Boulding  - 1966. Un libro interessante che contrappone l’astronauta che per garantire la propria sopravvivenza deve tenere il veicolo spaziale incontaminato e in piena efficienza al mito del cowboy che considerando illimitate le praterie che attraversa le conquista e usurpa come non ci fosse un domani.

(1) Devo queste informazioni ad una ricerca svolta da Simone Di Perna, Marcella Imperio e Matteo Moscaggiuri della LIUC,- Università Cattaneo- facoltà di Ingegneria gestionale.2o anno corso Magistrale.

 

Nella foto: la mitica Samantah Cristoforetti durante la missione nello spazio, 2014


  
Posted by Aurora Magni on 10/01/2019
Filed under fatti/attualità

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive