Sustainability-Lab News > Bio-on: bioplastiche che depurano il mare dal petrolio

 

Bio-on: bioplastiche che depurano il mare dal petrolio
Posted by Redazione Blumine on 24/08/2017 - 0 commenti - view count: 1550
  Rate    

Non solo i produttori di lana, anche Bio-on –l’azienda bolognese nata nel 2007 per sviluppare prodotti chimici e plastiche da fonti rinnovabili- è scesa in campo contro lo sversamento di petrolio in mare.

La ricerca, condotta in collaborazione con l'Istituto per l'Ambiente Marino Costiero (IAMC) del CNR di Messina, ha consentito di realizzare Minerv Biorecovery, progetto che è stato presentato al G7 Ambiente nel giugno scorso.

Si tratta di  una soluzione tecnologica che si basa su micro polveri, della dimensione di pochi micron e di una forma particolare, realizzate con la bioplastica PHAs (poliidrossialcanoati) prodotti da Bio-on da  scarti di lavorazioni agricole tra cui melassi e sughi di scarto di canna da zucchero e di barbabietola da zucchero. Le particelle di queste micro polveri, gettate nel mare inquinato, formano una struttura porosa adatta ad ospitare una serie di batteri, presenti naturalmente in ambiente marino, che si nutrono della bioplastica, si moltiplicano e si rafforzano fino ad attaccare il petrolio. I processi biodegradativi si attivano in circa 5 giorni e la frazione degradabile degli idrocarburi (ad esempio il petrolio) viene eliminata in circa 20 giorni.

MinervBiorecovery: Come Funziona

«È la natura che cura se stessa – ha spiegato Marco Astorri, presidente e Ceo di Bio-on presentando il biopolimero- perché la nostra bioplastica, di origine vegetale, serve a proteggere e a nutrire questi batteri accelerandone la loro naturale azione». Le micro polveri alla base di Minerv Biorecovery sono biodegradabili e non rilasciano quindi alcun residuo in mare a differenza di molte soluzioni applicate oggi in questi casi. Il processo di biodegradazione della polvere di PHAs è sufficientemente lento (1-2 mesi a seconda delle condizioni) da permettere l'azione bio-rimediante dei microrganismi che, dopo aver eliminato gli inquinanti, tornano ai normali livelli dell'ambiente marino.

La sperimentazione di Minerv Biorecovery è attiva da diversi mesi all'Istituto per l'Ambiente Marino Costiero del CNR di Messina che ha testato, misurato e validato la tecnologia. Grazie a questi studi Bio-on è in grado di definire un'applicazione totalmente nuova, nel campo della oil-bioremediation, un'articolata attività che ha lo scopo di "rimediare" all'impatto negativo sull'ambiente di sversamenti di molecole e prodotti inquinanti, come gli idrocarburi, grazie all'azione metabolica degradante, e biodegradante, di microrganismi. Un'attività svolta da aziende specializzate in bonifiche ambientali, Capitanerie di Porto, Marina Militare, società di navigazione, ecc.

«Il principio della oil-bioremediation – ha spiegato  Simone Cappello responsabile del progetto Bioremediation presso l'IAMC, lstituto per l'Ambiente Marino Costiero a Messina - si basa sull'esistenza di microrganismi, batteri in primis, in grado di attaccare la struttura molecolare di molti dei componenti la formulazione naturalmente complessa degli idrocarburi. Questi microrganismi tuttavia  sono presenti in ambiente marino ma in condizioni metaboliche, fisiologiche e in quantità non sufficiente a permettere una sostanziale riduzione degli idrocarburi sversati ed è grazie alla bioplastica PHAs che è possibile invece favorire e accelerare un processo altrimenti lunghissimo di trasformazione a CO2, prodotto finale della biodegradazione. L'uso della bioplastica PHAs è inoltre sicuro per l'ambiente e per la fauna marina perché non lascia alcuna traccia».

Bio-on ha inoltre recentemente annunciato che  metterà a disposizione gratuitamente la bioplastica Minerv PHAs a ricercatori, inventori, scienziati che pensano di poter cambiare il mondo e proteggere l'ambiente.

Attraverso il nuovo sito web http://www.bio-on.it/thematter/  i ricercatori sono invitati a proporre idee e progetti basati sui poli-idrossi-alcanoati per sperimentare e dimostrare nuove applicazioni e per spingerne l'uso e le prestazioni oltre i limiti conosciuti fino ad oggi. Possono partecipare al programma scienziati o gruppi di scienziati di università, centri ricerca pubblici o privati. Bio-on risponderà entro 30 giorni, fornirà ai progetti selezionati la quantità di bioplastica PHAs necessaria per le attività di ricerca e valuterà eventuali finanziamenti o co-finanziamenti alle ricerche.

Fonte: http://www.bio-on.it/news.php


  
Posted by Redazione Blumine on 24/08/2017
Filed under fatti/attualità

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive