Sustainability-Lab News > Carrera, Legambiente e Coop per scarpe a km 0

 

Carrera, Legambiente e Coop per scarpe a km 0
Posted by Redazione Blumine on 27/10/2013 - 5 commenti - view count: 3972
  Rate    

La sfida è stata lanciata da Carrera, in collaborazione con Legambiente e Coop, con il progetto "KmZero". Carrera si impegnerà a proporre scarpe completamente italiane, ottenute da materia prima certificata, con un basso impatto ambientale nel corso di tutta la produzione e con un prezzo competitivo, compreso tra i 39 e i 54 euro.

Il progetto si finanzia da sé, senza aiuti dall'esterno, per mettere a disposizione dei consumatori un prodotto adatto all'uso quotidiano, economico e che non risulti di nicchia. Le scarpe a chilometri zero competeranno con i prodotti provenienti dall'estero - ad esempio dalla Cina - sia per il prezzo che per la qualità.

La produzione delle nuove scarpe permetterà di riportare in vita i piccoli laboratori artigianali della Puglia e della Campania, con condizioni eque per i lavoratori e nel massimo rispetto dell'ambiente. L'iniziativa supporta la Festa dell'Albero organizzata da Legambiente, che si terrà il prossimo 21 novembre 2013. Verrà devoluto il 2% sul prezzo di vendita proposto a Coop da Carrera. Alla Festa dell'Albero parteciperanno 50 mila alunni di 2500 classi. Insieme pianteranno nuovi alberi.

La produzione delle scarpe della nuova collezione sarà a basso impatto ambientale grazie al rispetto delle norme e del regolamento Reach. Il trasporto dei materiali e del prodotto finito sarà limitato al territorio nazionale. La distribuzione delle scarpe a chilometri zero di Carrera avverrà attraverso i punti vendita Coop.


  
Posted by Redazione Blumine on 27/10/2013
Filed under fatti/attualità
Tags

Commenti
By Simone Ricotta on 04/11/2013 17:09
Sarebe interessante avere qualche informazione in più sulla "materia prima certificata, con un basso impatto ambientale nel corso di tutta la produzione". Di quale certificazione si tratta? E poi, è sufficiente la conformità alle "norme" e al Regolamento Reach ("La produzione delle scarpe della nuova collezione sarà a basso impatto ambientale grazie al rispetto delle norme e del regolamento Reach) per definire una collezione "a basso impatto ambientale?"



By Aurora Magni on 04/11/2013 17:45
E' bello avere lettori così "sgamati" (chissà se si dice ancora così). Proviamo a sondare e poi vi raccontiamo.



By umberto tunesi on 05/11/2013 04:49
Condivido il commento di Simone Ricotta; inoltre, cosa significa " km zero"? L'Italia è molto più lunga che larga, ci sono isole importanti e la logistica dei trasportatori italiani - nonché del sistema nazionale di trasporto - non brilla certo per "logica". Visto che di scarpe si tratta, stiamo con i piedi per terra: con le ali ai piedi c'era solo Mercurio ed era leggenda.

umberto tunesi


By Simone Ricotta on 05/11/2013 07:54
Bene Aurora Magni, allora attendiamo gli esiti dell'approfondimento. Chssà mai che qualcuno inizi a usare a fare comunicazione ambientale in modo meno superficiale... Sì, Umberto Tunesi, questa storia dei "Km zero" è una questione complessa... Nel settore agroalimentare può provocare inefficienze ambientali, sulle quali si sente dire poco. Un principio che può avere obiettivi interessanti ma che si può tradurre in pratiche fuorvianti.



By Aurora Magni on 05/11/2013 08:29
Obiettivo di questo blog è (anche) quello di dare spazio alla community che da sempre invitiamo a integrare/correggere/commentare le notizie che girano nel web e nella stampa e che spesso, essendo prodotte dagli attori stessi, enfatizzano i dati più carini. In altre parole la caccia al greenwashing è un'azione collettiva a cui vi invitiamo a partecipare attivamente.



You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive