Sustainability-Lab News > Condizione per i riciclo post consumo? Il monomateriale

 

Condizione per i riciclo post consumo? Il monomateriale
Posted by Aurora Magni on 24/04/2019 - 0 commenti - view count: 202
  Rate    

E’ quanto suggeriscono le Futurecraft.Loop, le nuove sneakers di Adidas realizzato usando solo poliuretano termoplastico (TPU)  in alternativa alla quindicina di materiali e collanti solitamente presenti in un unico paio di scarpe sportive. La tomaia è realizzata  in maglia e una suola in schiuma Boost brevettata Adidas, interamente in TPU. I diversi componenti  sono fusi insieme per processo termico che cambia drasticamente la forma e la struttura del polimero assemblando le componenti senza uso di collanti.

Futurecraft Loop è attualmente in fase beta e un gruppo selezionato di 200 utenti sta sperimentando le sneakers per fornire ad Adidas i commenti necessari per procedere all’industrializzazione del prodotto.

Le nuove sneakers aggiungono un tassello alle strategie green del brand che da anni collabora con Parley for the Oceans e utilizza plastica e nylon recuperati da mari e oceani nella produzione di scarpe e costumi da bagno. Nel 2019 Adidas prevede di realizzare 11 milioni di paia di scarpe da materiali riciclati e nei prossimi anni di estendere l’uso di r-PET  in tutte le linee produttive fino a sostituire interamente il poliestere vergine entro il 2024.

A fine ciclo di vita la Futurecraft Loop  saranno lavate e macinate in granuli, successivamente fusi e destinati a produrre le componenti delle nuove sneaker. 

Un approccio ‘ciclo chiuso’ che propone alcune riflessioni:

  • È tecnicamente più facile ed economicamente sostenibile riciclare materiali che seppur complessi sono costituiti  da un unico polimero. Esperienza simile è state realizzata da Radici Group, Eurojersey e Herno dalla cui collaborazione è nata una giacca interamente in poliammide.
  • Il recupero e il riciclo dei materiali post consumo è possibile a condizione che  i consumatori sappiano come/dove conferire i prodotti a fine vita e che esista una filiera in grado di prenderli in gestione e rigenerarli.
  • In questo percorso progettuale l’ecodesign è la premessa metodologica irrinunciabile.

Perché queste esperienze incidano nei nuovi modelli di business ispirati alla circular economy è quindi necessario che si costruiscano sistemi integrati che colleghino design, produzione, logistica, retail, comportamento dei consumatori.


  
Posted by Aurora Magni on 24/04/2019
Filed under fatti/attualità

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive