Sustainability-Lab News > Fabbrica 4.0 e competenze (meglio se attente alla sostenibilità)

 

Fabbrica 4.0 e competenze (meglio se attente alla sostenibilità)
Posted by Aurora Magni on 14/06/2018 - 0 commenti - view count: 946
  Rate    

Se ne è parlato il 12 giugno scorso durante l’annuale assemblea di Acimit, l’associazione dei produttori italiani  di tecnologie per l’industria tessile.

Innanzi tutto si è evidenziata un’anomalia: mentre la disoccupazione giovanile in Italia resta alta (10,9% ) un’azienda su cinque dichiara di non riuscire a trovare le professionalità di cui ha bisogno. Secondo Giovanni Brugnoli (imprenditore tessile e vice presidente di Confindustria per i Capitale umano)  le imprese avranno bisogno di oltre 2 milioni e 600mila addetti entro i prossimi 4 anni e di queste oltre un milione (39,1%) dovrà avere competenze elevate, 917mila svolgeranno mansioni di  media complessità (34,8%) mentre  solo il restante 25% delle ricerche di personale riguarderà i cosiddetti low skills. In particolare 272mila tecnici saranno richiesti da settori chiave del made in Italy, e  47.500 mila solo nel comparto tessile.

Una parte significativa di queste opportunità di lavoro riguardano/riguarderanno attività manageriali e tecniche connesse all’introduzione di tecnologie digitali nei comparti manifatturieri, fenomeno in parte sostenuto dai piani dei governi Renzi-Gentiloni per Industria 4.0.

Secondo una ricerca recentemente svolta dal Rise dell’Università di Brescia e sintetizzata da Marco Perona le nuove professionalità 4.0 ‘in crescita’ riguardano  logistica, distribuzione e vendita, quelle ‘trainanti’ la produzione e i sistemi informativi mentre restano al palo Ricerca e sviluppo, amministrazione e controllo,  acquisti e marketing. I mestieri in pole position: progettista di CAD additivo,  Data Analyst e  Data Security manager mentre le competenze richieste  si concentrano sulla gestioni dati, sui contenuti digitali e sull’innovazione intesa come attività di comunicare nel linguaggio degli stakeholders, saper lavorare in team, saper coordinare progetti e gestire tempo e stress.

La tavola rotonda ha inoltre evidenziato i nuovi skills trasversali: le imprese innovative sono sempre meno interessate a personalità che garantiscano l’omologazione alla cultura aziendale e alla tradizione e guardano con interesse alla ‘diversità culturale’, che  millennials e nativi digitali sembrano ben esprimere.

Che scuola e sistema formativo debbano avere ruolo nella formazione delle nuove competenze è conseguenza logica. Si è parlato a lungo di corsi ITS in grado di intercettare le domande delle imprese e trasformarle in percorsi formativi in cui l’alternanza deve ricoprire un ruolo importante.

 

Quello di cui non si è invece parlato è il nesso tra innovazione tecnologica e sostenibilità e questo ci sembra un’opportunità persa per almeno due motivi:

- le tecnologie digitali, grazie alla potenzialità di ridurre consumi e scarti e ottimizzare processi, tracciare e trasferire dati e informazioni, simulare anziché produrre sono importanti alleati nella costruzione di un sistema produttivo a ridotto impatto ambientale e finalizzato alla circular economy. I manager e i tecnici che le gestiscono/progettano/usano ne devono essere consapevoli pena la perdita di valore dei propri modelli di business,

-le imprese meccano tessili ed Acimit stessa hanno avuto il merito di aver spinto l’acceleratore prima di altri sui temi della sostenibilità studiando e producendo macchine ‘green’ come dimostra il progetto ‘Sustainable Technologies’. Pensare a sostenibilità e innovazione come ad aree/tematiche autonome, figlie di culture industriali destinate ad incontrarsi forse occasionalmente vuol dire non cogliere  l’opportunità di consolidare il percorso condotto fino ad oggi. Che è un percorso di innovazione sostenibile.


  
Posted by Aurora Magni on 14/06/2018
Filed under fiere/eventi

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive