Sustainability-Lab News > Il punto sul biotech

 

Il punto sul biotech
Posted by Aurora Magni on 13/06/2012 - 0 commenti - view count: 2772
  Rate    

 “L’Italia vanta a livello europeo la terza posizione per numero di imprese di biotecnologie; all’aumento del loro fatturato totale corrisponde una crescita più che proporzionale degli investimenti in ricerca e sviluppo. Attive nei settori della salute, dell’agroalimentare e in campo industriale, le nostre biotech confermano la capacità di trasformare l’eccellenza della ricerca italiana in nuovi prodotti e servizi, e costituiscono una realtà estremamente dinamica e competitiva, in grado di superare la ciclicità che caratterizza altri comparti industriali”

Così recita il rapporto 2012 sul meta settore delle biotecnologie  promosso da Assobiotec, Farmindustria e Ice e condotto da Ernst Yuong e che ha coinvolto 394 imprese che investono in Ricerca & Sviluppo (R&S) nel campo delle biotecnologie.

Le aziende biotech sono solitamente identificate con il settore farmaceutico e della ricerca medicale ma le  biotecnologie trovano crescente applicazione anche in altri comparti industriali  per questo si parla sempre più spesso del biotech come di un meta-settore. Non a caso, l’OCSE prevede che, nel 2030, le biotecnologie avranno un peso rilevante nella produzione dello 80% dei prodotti farmaceutici, del 35% dei prodotti chimici e industriali e del 50% dei prodotti agricoli, per un valore diretto stimato del 2,7% del PIL globale. Entro lo stesso periodo inoltre le biotecnologie per la salute umana saranno superate dalle biotecnologie industriali e agroalimentari, che varranno per il 75% del valore aggiunto lordo dell’intero settore biotecnologico. Si sta quindi delineando la figura dell’azienda “utilizzatrice finale”, vale a dire di un’impresa che, pur operando in un settore “tradizionale”, integra prodotti o tecnologie biotech nei propri processi produttivi, al fine di migliorarne la resa e la qualità, o diminuirne l’impatto ambientale.

Il rapporto sottolinea infatti l’orientamento alla sostenibilità delle aziende: “Sono sempre più numerose le aziende che, pur operando in settori “tradizionali”, integrano prodotti e tecnologie biotech nei propri processi produttivi, al fine di migliorarne la qualità e la resa, e di diminuirne l’impatto ambientale. Nessun processo produttivo risulta, infatti, meno invasivo sull’ambiente di quello dei processi naturali dai quali, non a caso, le biotecnologie originano. La bioeconomia è la sfida che l’Europa sta raccogliendo per l’affermazione di un nuovo modello di sviluppo sostenibile, in grado di generare valore e occupazione.”

 L’idea è di passare da un’economia basata sugli idrocarburi a una basata sui carboidrati, cioè sugli zuccheri, con i quali si possono fabbricare moltissime altre molecole, esattamente come fanno, in natura, gli  organismi viventi. Per questo, si parla sempre più spesso di bioeconomia con riferimento a un modello di sviluppo sostenibile, all’interno del quale trova ampio spazio la produzione di biomasse e la loro conversione in un’ampia gamma di prodotti industriali, quali: fibre tessili, cellulosa, carta, energia, plastiche, sostanze per i settori alimentare e della salute.

La bioeconomia vale oggi, in Europa, più di € 2.000 miliardi l’anno, e dà lavoro a oltre 22 milioni di persone, prevalentemente nelle aree rurali e nelle PMI.

In Europa il fatturato generato dai prodotti bio-based, che nel 2007 ammontava a € 48 miliardi (3,5% dei ricavi totali da prodotti chimici), si attesterà quest’anno su un valore di circa € 135 miliardi (7% dei ricavi totali da prodotti chimici), che saliranno a € 340 miliardi (15,4% dei ricavi totali da prodotti chimici) nel 2017. Nella chimica italiana le biotecnologia valgono oggi il 3,5% del fatturato dell’intero settore, in altri termini, più di € 3 miliardi del fatturato complessivo del comparto chimico originano dall’introduzione delle biotecnologie.  Le tecnologie chiave per l’implementazione di questi nuovi bio-processi sono, da un lato, quelle fermentative, dall’altro - e soprattutto - quelle basate sull’utilizzo di enzimi. Il ricorso a questi catalizzatori biologici altamente specifici e totalmente biodegradabili, è decisivo per l’induzione di reazioni che in loro assenza non potrebbero avere luogo. La pervasività di questa tecnologia è talmente elevata che, nel 2011, il mercato globale degli enzimi ha raggiunto i € 2,7 miliardi.

Il trend delle biotecnologie è destinato ad aumentare nei prossimi anni; quello chimico è, di fatto, uno dei comparti che meglio ha integrato le tecnologie biotech, sviluppando specifici bio-processi industriali nei più svariati ambiti e tra questi il tessile è certamente tra i più interessati. http://assobiotec.federchimica.it/Libraries/documentiPdf/BioInItaly2012_1.sflb.ashx


  
Posted by Aurora Magni on 13/06/2012
Filed under studi/ricerche

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive