Sustainability-Lab News > LA DOMANDA DI CSR: consumer’s forum, più esigente e parsimonioso il consumatore italiano/europeo, meno ludico e più cosciente. E il sexy in pubblicità tira meno

 

LA DOMANDA DI CSR: consumer’s forum, più esigente e parsimonioso il consumatore italiano/europeo, meno ludico e più cosciente. E il sexy in pubblicità tira meno
Posted by Fabio Guenza on 30/11/2011 - 0 commenti - view count: 4381
  Rate    

A giudicare dai risultati (scarica qui la presentazione) dell’osservatorio sugli stili e sulle tendenze di consumo IPSOS su Europa, Responsabilità sociale e Consumatori, presentato nel corso dell’evento del consumer’s forum tenutosi il 14.11 a Roma, le imprese si trovano sempre più a dover fare i conti con due tendenze apparentemente inconciliabili e contraddittorie: da un lato fortissima contrazione dei consumi e tensione sul prezzo, dall’altro attesa generalizzata di maggior rispetto verso il consumatore e di maggiori contenuti etici intrinseci nei prodotti. Come interpretare tutto ciò?

 

Innanzitutto, ecco in sintesi quanto si registra in generale in Europa (I, D, UK, E, PL) e in particolare in Italia (sotto "slide" la pagina di riferimento):

Al di là della disponibilità a riconoscere un differenziale di prezzo dell’8,9% assoluto a prodotti etici e sostenibili - che comunque va registrata - l’apparente contraddizione di cui sopra potrebbe forse essere spiegata nel senso che i consumatori non siano disponibili a considerare un di più, o tantomeno un lusso la responsabilità dell’impresa, ma un’attesa a prescindere. Più specificamente, che il peggioramento dell’economia non sia certo considerato l’effetto di un eccessivo livello di contenuti etici dei prodotti e dei processi che li originano, ma all’opposto di un difetto di etica e di competitività d’impresa. Implicitamente, riflettere l’idea - più o meno consapevole, più o meno ragionevole - che le imprese siano in grado di dimostrarsi più responsabili lavorando su miglioramento interno, riduzione di extra margini ingiustificati, aumento dell’innovazione e così via. In una parola, competitive.

D’altro canto ogni consumatore è spesso anche cittadino, lavoratore, risparmiatore/investitore, e in ognuno di questi ruoli i motivi d’insoddisfazione diffusa per l’attuale funzionamento dell'economia non mancano; la crescente consapevolezza dell’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo e la crisi di reputazione che da anni interessa la “istituzione impresa”, non possono non finire per influenzare le aspettative sulla necessità di un cambiamento reale del modello stesso d’impresa, il cui costo non ricada sui prezzi e sugli stakeholder.

E l’offerta di CSR? Vai al post …


  
Posted by Fabio Guenza on 30/11/2011
Filed under studi/ricerche
Tags

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive