Sustainability-Lab News > L’home textile funziona ma non parla di sostenibilità

 

L’home textile funziona ma non parla di sostenibilità
Posted by Aurora Magni on 25/04/2011 - 0 commenti - view count: 2911
  Rate    

Tra i tanti commenti che si possono fare intorno al Salone del Mobile, uno merita una riflessione. L’home textile, cioè il mix tra contenuto moda dei tessuti e arredamento ha mostrato una apprezzabile dose di vitalità occupando spazi sia nella sede espositiva di Rho che nei Fuori Salone.

Un fenomeno che nato come espansione del valore del brand su prodotti diversi dall’abbigliamento, ha trovato crescenti  consensi specie presso i compratori stranieri dei paesi emergenti. E’ quanto ha sottolineato anche  la Camera della Moda che indica  nel 10% il peso del segmento in termini di fatturato del comparto (Il Sole 24ore 11 aprile’11). I nomi sono presto fatti:  Armani Casa che vanta negozi in 45 paesi (8 nuovi punti vendita sono stati aperti solo nel 2010), Mila Schön che ha animato il Salone con sedute realizzate da artisti e designers, Versace Home, Missoni Casa, solo per fare alcuni esempi. Un connubio, quello tra brand e arredo, che fa bene a entrambi i comparti e che dà una mano anche alla filiera a monte. Sbirciando tra comunicati stampa non si può non notare l’assenza del tema della sostenibilità nelle strategie promozionali dei grandi brand dell’Home textile: vi è magari una valorizzazione di fibre naturali di pregio ma nessuna informazione sul contenuto di eco compatibilità dei materiali usati (tema che invece ricorre spesso nelle proposte dei designer  meno noti e tra gli  emergenti).

Come dire: il mondo del fashion usa altri argomenti, per meglio dire “i suoi”. Non è chiaro se ciò avviene perché non i grandi della moda ci pensano/non se ne interessano  o perché danno per scontato che tutto ciò sia implicito nell’eccellenza del marchio stesso. L’impressione che se ne ha (ma mi piacerebbe ricevere una smentita) è che l’ecologia sia “relegata” a raccontare il “no brand”  mentre i brand planetari parlano soprattutto –ancora- un linguaggio autoreferenziale.


  
Posted by Aurora Magni on 25/04/2011
Filed under fiere/eventi
Tags

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive