Sustainability-Lab News > L'OFFERTA DI CSR: la Green Italy cresce, il green fashion un po’ meno. Ma buone notizie da Solofra!

 

L'OFFERTA DI CSR: la Green Italy cresce, il green fashion un po’ meno. Ma buone notizie da Solofra!
Posted by Fabio Guenza on 30/11/2011 - 0 commenti - view count: 3640
  Rate    

4 volte positiva la Green economy : più investimenti, più innovazione, più internazionalizzazione, più occupazione (circa 50/50 tra specifica e indotta): ecco in sintesi il risultato del recente studio Greenitaly (progetto Unioncamere e Symbola), presentato il 14/11 in Assolombarda a Milano.

Quasi un quarto (23,9%) delle imprese italiane nella crisi punta sulla green economy. Una visione strategica diffusa da nord a sud, nell’industria (27% complessivo e 27,7% nel manifatturiero) più che nel terziario - 22,1%: lo stesso valore sfiorato dal tessile abbigliamento (22,2%), che si piazza ad un triste penultimo posto nel comparto.
Sono 370mila, 150mila industriali e quasi 220mila dei servizi, le imprese che tra il 2008 e il 2011 hanno investito o investiranno in tecnologie e prodotti green.
Il 34,8% di esse è presente sui mercati esteri, quota quasi doppia rispetto a quella rilevata per le imprese che non puntano sulla sostenibilità ambientale (18,6%). Una proiezione internazionale che si accompagna a una proiezione nell’innovazione, ingrediente strategico per anticipare e la concorrenza e distinguersi da essa.
Anche per quanto riguarda l’occupazione, la green economy sembra possedere una marcia in più, tanto che nel 2011 il 38% delle assunzioni programmate dalle imprese è riconducibile alla sostenibilità ambientale. Si tratta di più di 220.000 sul totale di quasi 600.000. Di queste circa la metà, 97.600 assunzioni sono legate a professioni green in senso stretto (legate agli ambiti delle energie rinnovabili, gestione delle acque e rifiuti, tutela dell’ambiente, green mobilities, green building ed efficienza energetica).

Sempre nell’ambito di Greenitaly, si registra il “Programma per la realizzazione di un marchio di eco-compatibilità del Distretto di Solofra”, partito nel 2008 ed entrato nel vivo nel 2009 su iniziativa del Tavolo di Concertazione del Progetto Integrato “Distretto industriale di Solofra”, destinato a contribuire al rilancio economico-produttivo dell’area. In attesa dei dati 2011, si registra il dato che proprio nel 2010 su 2009, esportazioni, saldi commerciali e utili aggregati sono tornati a crescere per la prima volta dal 2001.

 

 

 

L’iniziativa vede capofila la CCIAA di Avellino, soggetto attuatore dell’intervento finanziato dalla regione Campania, e un’ampia partecipazione multi-stakeholder (PA locale; organizzazioni sindacali della parte datoriale e dei lavoratori; consorzi). La CCIAA è titolare del Marchio  di eco-compatibilità “Distretto conciario di Solofra” e verifica il suo corretto e legittimo uso in conformità agli scopi e alle disposizioni del relativo disciplinare.

Principali risultati (scarica qui la presentazione completa):

  1. Ottenimento (2009) dell’attestato di Ambito Produttivo Omogeneo EMAS: Solofra è l’unico APO del sud Italia;
  2. Definizione (2009) del Manuale e Procedure tipo per le concerie, di supporto alle aziende al fine di ridurre i costi necessari per il percorso di registrazione EMAS;
  3. Marchio di eco-compatibilità del Distretto Conciario di Solofra: alla data il Marchio è stato rilasciato a 7 concerie e richiesto da altre 19 aziende;
  4. Separazione tra acque reflue civili e industriali del Comune di Solofra e completamento della rete fognaria civile del Comune di Montoro Superiore (evitando il verificarsi di sversamenti nel torrente Solofrana);
  5. Studio comparativo sulla gestione dei rifiuti nei distretti conciari di Solofra, Arzignano e Santa Croce. Lo studio ha evidenziato che:
    • soltanto il 28,6% dei rifiuti conciari prodotti nel Distretto di Solofra viene gestito nella stessa provincia, contro il 99% di Santa Croce e il 79% di Arzignano.
    • Nei distretti di Santa Croce e Arzignano si sono sviluppati una serie di strutture e servizi per la gestione dei rifiuti (smaltimento e/o riutilzzo) dettati dalle esigenze del territorio stesso e delle imprese.
    • La carenza infrastrutturale del Distretto di Solofra si traduce così in maggiori costi per le imprese e conseguenti svantaggi competitivi.

L’iniziativa è quindi destinata a ulteriori sviluppi, sia sul lato del marketing territoriale che su quello industriale.

E la domanda di CSR? Vai al post …


  
Posted by Fabio Guenza on 30/11/2011
Filed under studi/ricerche
Tags

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive