Sustainability-Lab News > Seminario internazionale sul tessile “sostenibile” a Taiwan

 

Seminario internazionale sul tessile “sostenibile” a Taiwan
Posted by Redazione Blumine on 04/01/2011 - 0 commenti - view count: 3546
  Rate    

 

Un seminario internazionale si è tenuto lo scorso 14 dicembre 2010 a Taipei, organizzato da ICAC  (il “forum” mondiale del cotone) e dalla federazione tessile di Taiwan. Partecipato da 200 persone di 17 paesi,  scopo del seminario era quello di dare uno sguardo alle sfide della sostenibilità e a come le industrie – soprattutto quelle basate sul cotone – possano farvi fronte.

Dal  verbale degli incontri estraiamo qualche utile informazione:

  •  Nella presentazione iniziale del prof. Merkel è stato messo a fuoco il tema delle emissioni di CO2. Una camicia bianca di cotone di 220 grammi comporta una emissione totale (in produzione) dai 5 ai 6 kg di CO2 e l’uso fino a 400 litri di acqua. Ma Merkel ha anche dimostrato che l’uso e la manutenzione della camicia producono altri 5 o 6 kg di CO2,  e fanno consumare più di 10.000 litri di acqua. Conclusione: la sostenibilità richiede un miglioramento dell’efficienza energetica e dell’uso di acqua.
  • La relazione del vicepresidente della Cotton Incorporated (USA) – organizzazione che assiste la vendita e l’uso del cotone americano nel mondo -, centrata sui miglioramenti qualitativi della fibra, ha sottolineato come sia la genetica il segreto per aumentare lunghezza della fibra e la sua resistenza.
  •  Sulle fibre artificiali, Barry Davies del CMAI Europe  ha osservato come l’attuale situazione dei prezzi stia portando alla sostituzione del cotone con il poliestere, ovunque sia possibile: le fibre cellulosiche da parte loro sono prodotte da materiali rinnovabili, mentre stanno presentandosi fibre ricavate da polimeri biodegradabili e sta crescendo d’interesse il riciclo delle fibre  sintetiche.
  •  La signora Fung, general manager per i prodotti di Bureau Veritas (Asia), ha riferito sulle difficoltà incontrate dai produttori  tessili a fronte della legislazione americana  sulla sicurezza dei prodotti, incoraggiando i produttori a progettare la sicurezza ad ogni anello della catena tessile, piuttosto che a cercare di rimuovere i fattori di rischio solo a seguito di reclami o ritiri dal mercato.
  •  Il rappresentante di un’azienda di Hong Kong, il gruppo Esquel, ha portato la testimonianza di un gruppo che sta affrontando la sfida della sostenibilità per diverse strade: investendo nei sistemi informatici, per rintracciare i flussi dei prodotti; accrescendo l’efficienza delle sue unità produttive; sviluppando nuovi prodotti con aumento del confort, migliore manutenzione, protezione dai raggi UV e dai batteri; riducendo i consumi di acqua nei propri finissaggi  (40% in meno in 4 anni) e di energia (29% in meno), con interventi anche sull’illuminazione e il condizionamento.
  •  Infine Liz Muller (USA, Liz Muller LLC) ha posto l’accento su due aspetti importanti: (1) data la complessità della catena tessile, in particolare cotoniera, la rintracciabilità è oggi una costante fonte di tensione nella catena produttiva, in presenza di una pressione crescente da parte della certificazione; (2) risulta così utile un’iniziativa come quella chiamata “Better Cotton Iniziative” (BCI), che mette insieme produttori, ginnature,  merchants, e produttori tessili a monte e a valle, allo scopo di realizzare miglioramenti nella produzione del cotone in tutti i paesi del mondo. 


  
Posted by Redazione Blumine on 04/01/2011
Filed under fiere/eventi
Tags

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive