Sustainability-Lab News > Tecnologie digitali e chimica green nell’industria tessile. Se ne parla in LIUC

 

Tecnologie digitali e chimica green nell’industria tessile. Se ne parla in LIUC
Posted by Redazione Blumine on 02/07/2018 - 0 commenti - view count: 895
  Rate    

Avrà luogo venerdì 13 luglio prossimo dalle ore 10,00 alle 13,00 presso l’Auditorium della LIUC –Università Cattaneo (Corso Matteotti, Castellanza) un incontro pubblico dal titolo:

 Tecnologie digitali e filiere tessili sostenibili.

 

L’evento è promosso da Blumine srl nell’ambito delle iniziative di disseminazione del progetto F-Susy con la collaborazione della Business School della LIUC.

‘Le tecnologie digitali sono un importante alleato nell’ottimizzazione dei processi industriali con effetti nella riduzione dell’impatto ambientale dei processi –ha dichiarato Aurora Magni, presidente di Blumine srl e docente LIUC nel presentare l’iniziativa- Gestione integrata dei dati e dei flussi informativi, stampa additiva e simulazioni nei processi ideativi e di prototipazione, realtà aumentata ed assistenza in remoto, riduzione dei consumi e degli scarti di produzione sono solo  alcuni dei vantaggi indotti dalle tecnologie 4.0. L’industria tessile è in grado di sfruttare al meglio queste potenzialità? Dispone delle competenze necessarie? A questi interrogativi se ne aggiunge un altro di particolare importanza per il comparto: le tecnologie digitali possono supportare le imprese nel monitorare le caratteristiche chimiche dei prodotti e dei processi e il loro grado di sostenibilità?’

A rispondere a questa domanda ci ha provato il progetto F-Susy, iniziativa di ricerca cofinanziata dalla Regione Lombardia che vede il Politecnico di Milano quale capofila e la presenza di società di consulenze ed imprese manifatturiere. ‘Come illustrerà il prof. Gronchi del Politecnico di Milano,–continua Magni- obiettivo del progetto F-Susy è supportare le imprese impegnate nella riduzione delle sostanze chimiche critiche e nella loro sostituzione con altre più sicure mettendo a disposizione conoscenze scientifiche e  banche dati. Sarà inoltre presentato da Umberto Bramani (Nekte srl) il software di autodiagnosi (C3Tools) che consente di verificare in tempo reale la compliance di  specifici prodotti o dei reflui di produzione con i protocolli di sicurezza chimica di brand e i principali sistemi di certificazione.’

La parola passerà quindi alle imprese nel corso della tavola rotonda a cui parteciperanno:

Elisabetta Baronio, CSR & Sustainability Coordinator, Vf Corporation

Grazia Cerini, Direttore Generale Centrocot Spa

Mario Riva, Procuratore Besani Srl

Piero Sandroni, Titolare C. Sandroni & C., Presidente Gruppo Merceologico “Tessile e abbigliamento” Unione degli Industriali della Provincia di Varese

Ugo Zaroli, Responsabile R&S, For.Tex Srl

 

La partecipazione è gratuita ma è gradita iscrizione: contact@blumine.it, acanfora@liucbs.it

 


  
Posted by Redazione Blumine on 02/07/2018
Filed under fiere/eventi
Tags

Commenti
You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive