Sustainability-Lab News > UE e mobilità sostenibile: lavori in corso

 

UE e mobilità sostenibile: lavori in corso
Posted by Aurora Magni on 25/03/2011 - 2 commenti - view count: 3597
  Rate    

 

La maggior parte dei cittadini sarebbe pronto ad accettare alcuni compromessi per quanto riguarda il prezzo e le caratteristiche della propria automobile nel tentativo di ridurre l’inquinamento del settore. E’ quanto emerge da una recente indagine condotta in tutti i 27 Stati membri dell’Unione europea dalla commissione trasporti.
Il 66% degli intervistati sarebbe disposto a comprare auto più piccole e compatte, il 62% a fare concessioni in merito all’autonomia di carica, mentre il 60% si è dichiarato addirittura disposto a pagare di più l’automobile se ciò permettesse di ridurre le emissioni.

Nell’indagine una parte importante è stata assegnata anche al confronto auto privata/mezzi pubblici, la prima attualmente ancora preferita dalla gran parte degli automobilisti a causa della mancanza di collegamenti adeguati, la bassa frequenza o l’inaffidabilità del servizio. Quasi tre quarti dei cittadini dell’UE (71%) hanno dichiarato di essere disposti a utilizzare con maggiore frequenza i trasporti pubblici se ci fosse la possibilità di acquistare un unico biglietto valido per tutte le modalità di trasporto, mentre il 52% sarebbe tentato se fossero disponibili maggiori informazioni on line sugli orari e il 38% se fosse possibile acquistare i biglietti via internet.

Ridisegnare percorsi e città

Intanto la Commissione Europea continua a lavorare per la definizione di una roadmap con l’obiettivo di eliminare, entro il 2050, la circolazione di vetture alimentate mediante combustibili fossili. Il documento, la cui pubblicazione è prevista per i primi di aprile, conterrà le indicazioni che potrebbero portare al raggiungimento dell’ambizioso obiettivo e le raccomandazioni affinché si riescano a dotare le città delle necessarie infrastrutture di supporto allo sviluppo di una mobilità alternativa e non inquinante.
Nel documento è  contenuta una parte riservata ai consigli per urbanisti ed esperti affinché si progettino nuovi piani di sviluppo cittadino che diano largo spazio alla mobilità pubblica a basso impatto ambientale, tra cui linee ferroviarie e mezzi di trasporto che sfruttino i corsi d’acqua presenti nelle città includendo nel tessuto urbano punti per la ricarica elettrica dei mezzi di trasporto elettrici e favorendo altresì l’abbandono delle vetture tradizionali.
 

Fonte: www.rinnovabili.it


  
Posted by Aurora Magni on 25/03/2011
Filed under studi/ricerche

Commenti
By michele marcora on 27/03/2011 23:37
Ciò che veramente può aiutarci nella sostenibilità in tema d'inquinamento è la messa in commercio delle auto a idrogeno di cui alcuni prototipi sono già pronti. Ma è chiaro che questo non avverrà altrimenti i paesi ricchi di petrolio non si arricchiranno più



By Cristina Marion Doni on 28/03/2011 12:16
Il problema della mobilità sostenibile è davvero complesso, come ho avuto modo di vedere alla fiera Veicoli Elettrici di Parma, tenutasi in questi giorni.
E' un pò come un gatto che si morde la coda ( perdonate questo modo di dire ;)). Se il privato non vede colonnine di ricarica, o un'adeguata autonomia dei mezzi elettrici, non si fiderà certo ad acquistare mezzi che in ogni caso sono più costosi di quelli tradizionali. Inoltre la rete di vendita e la comunicazione relativa a queste novità è molto limitata, il che richiede uno sforzo di ricerca di informazioni piuttosto importante. D'altra parte, le istituzioni e i comuni, che potrebbero incentivare la mobilità sostenibile, non vedendo un parco mezzi consistente, non ritengono necessario l'adeguamento della rete di distribuzione dell'energia elettrica per le strade e in punti di parcheggio cittadini. E qui la domanda..chi ha la possibilità di smuovere questa situazione? La Commissione Europea? Il Governo? Le autorità locali?




You have to login to leave a comment.

Attention: This blog is not a newspaper as it is updated without any periodicity. It can not therefore be considered an editorial product under Law n° 62 del 7.03.2001. The blog author is not responsible for the content of the comments to posts, nor for the content of linked sites. Some texts or images included in this blog are taken from the internet and therefore they considered public domain; if their publication smash any copyright, please notify us by email. They will be immediately removed.
    
Rss Rss
Blog archive