Sustainability-Lab News > Concia: chiude con successo il progetto Lifetan

 

Concia: chiude con successo il progetto Lifetan
Pubblicato da Aurora Magni il 31/05/2018 - 0 commenti - visualizzazioni: 1515
  Voto    

In passato avevamo già dedicato un post  al progetto Lifetan avviato nel 2016 e ora giunto  al termine con risultati interessanti. Ricordiamo che Lifetan, è stato realizzato nell’ambito dei programmi UE  con sperimentazioni in Italia e Spagna finalizzate a sostituire – in alcune fasi della lavorazione del cuoio (macerazione, sgrassaggio, tintura, ingrasso e concia) – i prodotti chimici e derivati del petrolio con sostanze naturali ricavati da scarti animali o da rifiuti agro-industriali. Coordinato da Enea il progetto ha coinvolto il CNR-ICCOM di Pisa e lo spagnolo INESCOP e due concerie (l’italiana Newport e l’iberica Tradelda).

Che l’impatto ambientale della concia sia rilevante è noto e ben lo spiegano questi dati sviluppati nell’ambito del progetto: per ottenere 200-250 kg di pelli finite sono necessari 1.000 kg di pelli salate fresche, 400-600 kg di reagenti e 20-40 m3 di acqua producendo circa 500 kg di fanghi che si aggiungono agli oltre 500 kg di rifiuti/scarti solidi.

Bene quindi che progetti di ricerca come Lifetan testino soluzioni naturali in grado di ridurre l’impatto delle emissioni. Bene anche che non si tratti di una sperimentazione fine a se stessa ma di un programma articolato che ha ripreso e integrato quanto già emerso in precedenti progetti Life: BioNad, Ecodefatting, Podeba, Ecofatting e Oxatan, ognuno dei quali dedicato ad una particolare fase della lavorazione. In particolare “BioNad” ha sviluppato la coloranti naturali per ridurre e  se possibile, eliminare la quantità di agenti chimici ausiliari nei coloranti per le pelli; “EcoDefatting” si è concentrato sulla sostituzione di prodotti chimici con prodotti a base di zuccheri di scarto dell’industria alimentare nella fase di sgrassatura; “Podeba” ha studiato l’utilizzo di deiezioni polline deodorizzate (un rifiuto riciclato) nella fase di macerazione; “Ecofatting” ha promosso prodotti a base d’olio in grado di sostituire i clorosolfonati  nella fase di ingrassaggio; e “Oxatan”, infine, ha testato l’uso di ossazolidina come conciante alternativo ai sali di cromo trivalente per  una lavorazione metal free.

Qualche dato dà la dimensione dell’impegno profuso nei due anni:

  • Sostituzione delle sostanze persistenti, bioaccumulabili e tossiche (PBT) nel processo di concia con sei nuove formulazioni che utilizzano prodotti naturali
  • 50 pelli ovine e pelli bovine conciate impiegando i prodotti naturali
  • Produzione di 100 campioni prodotti in cuoio con i prodotti naturali, in linea con i criteri del marchio EU Ecolabel
  • Riduzione (20%) di sostanze inquinanti nelle acque reflue della produzione del cuoio
  • Riduzione del 20% del consumo di acqua durante il processo di concia
  • Riduzione dell’uso del Cloro nel ciclo conciario
  • Aumento biodegradabilità delle molecole utilizzate
  • Incremento del 50% della penetrazione nella pelle da parte dei prodotti usati per i trattamenti di concia e migliori prestazioni dei prodotti finiti
  • Dimostrazione della fattibilità tecnica / economica della concia delle pelli prodotte senza l’uso del Cromo.

Ora, conclusa la fase preindustriale si sta avviando l’iter per la certificazione Ecolabel e si punta all’industrializzazione dei prodotti nella filiera produttiva.

Per saperne di più: http://www.lifetan.eu

 

 


  
Pubblicato da Aurora Magni il 31/05/2018
Archiviato sotto fatti/attualità

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog