Sustainability-Lab News > Detox e il rapporto ISPRA sulle acque

 

Detox e il rapporto ISPRA sulle acque
Pubblicato da Fabio Guenza il 10/05/2016 - 0 commenti - visualizzazioni: 2048
  Voto    

La notizia di questi giorni riguarda i risultati preoccupanti del Rapporto Nazionale Pesticidi nelle Acque dell’ISPRA, che riveste un particolare interesse per Sustainability-lab anche a causa dei notevoli punti di contatto con la chimica nel tessile e i Rapporti Detox.

I motivi di preoccupazione di Glifosato & Co. sono gli stessi che hanno portato alle campagne di Greenpeace e quindi alle restrizioni sule sostanze tipiche del tessile incluse nelle M-RSL di Detox, ZDHC e dei brand globali. Non solo, alcune sostanze sono le stesse dell’agro-alimentare, a volte per l’uso di pesticidi nella coltivazione delle fibre, a volte per usi diversi, come nel caso di solventi clorurati, clorofenoli o idrocarburi aromatici.

Non stupisce quindi che tra le sostanze investigate, incluse nella Direttiva Quadro Acque e/o riscontrate sopra gli Standard di Qualità ambientale vi siano sostanze come:

• il 1,1-dicloroetano con 2/201 presenze/p.ti monitoraggio sotterranei 2014
• il 1,2-dicloroetano con  33/883 presenze/p.ti monitoraggio sotterranei 2013 e 13/948 sotterranei 2014
• il pentaclorobenzene con 2/842 presenze/ p.ti monitoraggio sotterranei 2014
• il naftalene con 9/38 presenze/p.ti monitoraggio superficiali 2013 e 34/180 sotterranei 2013

Pur non essendo la loro presenza massiccia come quella del Glifosato, si tratta comunque di risultati in linea con la maggioranza delle altre sostanze che compongono il “cocktail” tossico a cui fa riferimento ISPRA, e di cui non è possibile stabilire quale dei due settori sia l’origine.

 

 

Vedi anche la news: Da ISPRA dati preoccupanti sullo stato delle acque italiane


  
Pubblicato da Fabio Guenza il 10/05/2016
Archiviato sotto studi/ricerche
Tags

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog