Sustainability-Lab News > Detox sfonda sul fronte della GDO

 

Detox sfonda sul fronte della GDO
Pubblicato da Fabio Guenza il 02/04/2015 - 0 commenti - visualizzazioni: 2701
  Voto    

Detox sfonda sul fronte della GDO. Ultimo committed in ordine di tempo Aldi.

Il colosso tedesco da circa 60 miliardi, presente in Europa, USA ed Australia si aggiunge così all’elenco dei concorrenti Tchibo, Lidl, Rewe, Coop CH, alcuni dei quali presenti anche in Italia (come ad esempio, oltre a Lidl, Penny Market del gruppo Rewe).

Ora all’appello mancano solo due player, Migros CH e Interspar, tra le catene di supermercati presi di mira dal rapporto del 27 ottobre 2014 Dirty Discount Supermarkets: Dangerous Chemicals in Supermarket Clothing.

 

Impressiona tra l’altro che siano bastati 26 campioni (!) per far capitolare in 5 mesi (!) quattro gruppi come Tchibo, Lidl, Rewe e, appunto, Aldi.

Da notare che questi gruppi, come del resto COOP CH, tra i leader della prima ora della sostenibilità insieme a Marks&Spencer, potevano già contare su politiche di sostenibilità robuste, incluso, proprio sulla gestione del rischio chimico, il ricorso alla certificazione Oekotex 100. Evidentemente, non bastava.

Come reagiranno ora i player italiani della GDO a questa nuova sfida mitteleuropea? 


  
Pubblicato da Fabio Guenza il 02/04/2015
Archiviato sotto fatti/attualità
Tags

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog