Sustainability-Lab News > Ditta Giovanni Lanfranchi è Detox Leader

 

Ditta Giovanni Lanfranchi è Detox Leader
Pubblicato da Aurora Magni il 15/09/2015 - 0 commenti - visualizzazioni: 3364
  Voto    

Quello dell’azienda che ha fatto della Lampo un marchio storico del made in Italy conosciuto in tutto il mondo  è un bel percorso di sostenibilità.  Nata nella seconda metà dell’Ottocento, ha sperimentato ed adottato negli anni tecnologie a ridotto impatto ambientale, materiali biologici o riciclati, impianti per la produzione di energia rinnovabile, eco design dei prodotti per garantirne riciclabilità, riutilizzo e maggiore durata nel tempo.

La sua decisione di sottoscrivere di aderire alla campagna Detox di Greenpeace è il frutto di un ulteriore salto di qualità. “Siamo convinti che sia necessario eliminare le sostanze chimiche pericolose dalle produzioni tessili e dai prodotti fashion  –ha dichiarato il presidente Gaetano Lanfranchi- Nella fabbricazione di una chiusura lampo intervengono materiali diversi: tessili, metallici, polimerici e la componente chimica non è marginale. Ma i tempi sono maturi per compiere scelte che rendano sostenibili i tessuti e gli accessori utilizzati nell’industria della moda. Ditta Giovanni Lanfranchi è pronta ad assumersi questo impegno”.

A conferma di questa dichiarazione occorre sottolineare  che già dieci degli undici gruppi di sostanze chimiche pericolose, che secondo Greenpeace occorre urgentemente eliminare, non sono più presenti nei prodotti a marchio “Lampo”, comprese alcune ammine aromatiche, associate a coloranti azoici che possono causare tumori.


L’impegno della Ditta Giovanni Lanfranchi dimostra che già oggi la moda può fare a meno delle sostanze tossiche, anche in lavorazioni complesse come quelle richieste nella produzione delle chiusure lampo, ha dichiarato Giuseppe Ungherese, responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace nel dare l’annuncio oggi alla stampa - Una scommessa davvero ambiziosa per un’azienda che, oltre a produrre la componente tessile del prodotto, deve misurarsi anche con trattamenti dei metalli che di solito impiegano sostanze chimiche molto aggressive”.

Con l’adesione di Ditta Giovanni Lanfranchi salgono a trentuno i marchi internazionali ad aver sottoscritto impegni seri e credibili per l’eliminazione delle sostanze tossiche. In termini di fatturato, rappresentano più del 15 per cento della produzione tessile globale.

Lanfranchi  si aggiunge così al gruppo dei produttori italiani  di tessuti ed accessori Detox Leader insieme a Canepa spa, Besani srl, Italdenim spa, Tessitura Attilio Imperiali srl, Mirogliop Spa, Zip GDF spa, Berbrand srl, Gritti spa. Un gruppo destinato a crescere.

Nell’esprimere la gioia e l'  orgoglio per questo nuovo passo in avanti verso una moda sostenibile blumine/sustainability-lab si conferma  a fianco delle aziende che si impegnano per una chimica green.   

Ditta Giovanni Lanfranch è a Palazzolo sull’Oglio (Bs), conta 380 addetta e realizza un fatturato di 7 mil. di Euro (dati 2014)

Il testo dell’impegno DETOX di Lanfranchi è disponibile al link:  http://lampo.eu/it/communication/news/detox-commitment

La lista di sostanze bandite da Lanfranchi (MRSL) è disponibile al link: http://lampo.eu/it/communication/news/mrsl-detox

I test chimici effettuati sui prodotti di Lanfranchi sono disponibili al link: http://lampo.eu/it/communication/news/test-report-2015-for-detox


  
Pubblicato da Aurora Magni il 15/09/2015
Archiviato sotto fatti/attualità

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog