Sustainability-Lab News > ENEA: Energy audit per le imprese del Tessile Abbigliamento

 

ENEA: Energy audit per le imprese del Tessile Abbigliamento
Pubblicato da Aurora Magni il 07/07/2012 - 0 commenti - visualizzazioni: 4186
  Voto    

Che le imprese tessili siano energivore (specie negli step produttivi a monte) è noto, che il costo dell’energia sia uno dei fattori che le penalizzano  riducendone la competitività, anche.

Ma per attivare le azioni necessarie a garantire efficienza energetica alle imprese del sistema è necessario analizzare il problema nelle sue dinamiche reali legate ai cicli produttivi tipici del comparto, fotografare i picchi dei consumi e le criticità.

E’ quanto ritiene ENEA che, nell’ambito di due progetti europei (ARTISAN e SESEC) ha avviato Audit Energetici gratuiti per le aziende tessili avvalendosi della competenza di Sustainability-lab/Blumine per l’individuazione delle imprese più idonee. Lo scopo  dell’iniziativa è raccogliere dati per individuare dei benchmark di riferimento per azioni di efficienza energetica e mettere a punto un discorso di metodo per diagnosi energetiche specifico per l'industria del tessile e dell'abbigliamento.

Nello specifico Enea realizzerà un numero ristretto di 7-9 audit energetici gratuiti (da effettuarsi entro dicembre 2012 con inizio a fine agosto 2012) e allo scopo verranno selezionate  2 aziende del tessile (progetto ARTISAN) e 7 aziende dell'Abbigliamento (progetto SESEC).

Le aziende debbono avere il ciclo manifatturiero presso propri stabilimenti in Italia.

L'audit energetico si compone di tre momenti: compilazione di un questionario dettagliato, visita in azienda, discussione con approfondimenti. I dati raccolti riguarderanno potenza e consumi delle macchine nelle diverse fasi del processo, eventualmente anche edifici e sistemi di condizionamento. Al centro dell'attività vi sono aspetti di recupero di calore ed efficienza produttiva di calore ed elettricità.

In cambio dell’impegno di tempo e della disponibilità a fornire dati (che resteranno confidenziali) le imprese selezionate avranno una diagnosi energetica gratuita da parte di esperti  
di ENEA. Nello specifico il report a fine audit conterrà:

  1. una fotografia dei consumi nelle diverse fasi lavorazione (utile per capire DOVE ci siano margini di intervento) per unità di prodotto, 
  2.  suggerimenti di migliorie in termini di efficienza energetica/costi energetici in relazione alla situazione dell'azienda, con indicazione di costi e ROI.

 Le candidature possono essere inviate, entro il 25 luglio)  a ENEA via email (piero de sabbata) ma potete rivolgervi anche a noi (aurora.magni@blumine.it)

Collaborano a questa iniziativa

  • i partner del progetto SESEC e del progetto ARTISAN
  •  Sustainability-lab,  per la raccolta di interesse delle imprese

 


  
Pubblicato da Aurora Magni il 07/07/2012
Archiviato sotto studi/ricerche
Tags

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog