Sustainability-Lab News > La prima ambulanza antibatterica del mondo

 

La prima ambulanza antibatterica del mondo
Pubblicato da Redazione Blumine il 14/06/2011 - 0 commenti - visualizzazioni: 3069
  Voto    

Realizzata da Orion su brevetto condiviso con Next Technology di Prato, è stata presentata nei giorni scorsi la prima ambulanza antibatterica del mondo, un progetto destinato, assicurano i ricercatori, ad influenzare non solo il mondo della sanità ma anche più in generale quello del trasporto pubblico (treni, autobus, aerei, navi) e della movimentazione di derrate alimentari, ovvero i settori dove la contaminazione batterica è più frequente. I materiali catalitici brevettati abbattono costantemente la crescita dei batteri presenti sulle superfici; non hanno controindicazioni per le persone; costano come i materiali tradizionali e non richiedono alcun tipo di manutenzione.

L’ambulanza è stata chiamata Pure Health. Utilizza come base un normale veicolo Fiat, allestito all’interno con una cellula indipendente realizzata con il nuovo materiale. Per Next Technology si è trattato di vedere premiato un lavoro di tre anni focalizzato su materiali nano strutturati e sui processi fotocatalitici, capaci di attivare  un’azione combinata sterilizzante.

Le infezioni batteriche sono in effetti uno dei principali problemi sociali di sempre, con pesanti riflessi sanitari ed economici, nella misura di migliaia di miliardi. Affliggono soprattutto il trasporto pubblico, la catena alimentare, il sistema dei soccorsi e gli ambienti ospedalieri. Ben 10 pazienti su 100 prendono un’infezione in ospedale, ha per esempio denunciato di recente la società scientifica dei microbiologi AMCLI. Occorre poi aggiungere che l’impiego massivo di antibiotici anche in agricoltura e zootecnia contribuisce a creare batteri ultraresistenti: in Italia 7 casi su 100 di pneumococco sono ormai insensibili alla penicillina, in Spagna si arriva al 40%.

Per questi motivi la Next Technology sta intensificando la ricerca su applicazioni diverse per le esigenze specifiche dei vari settori. Ad esempio il trasporto aereo e analoghi ambienti particolarmente chiusi, in cui il viaggiatore deve restare per ore e dove è dunque strategico anche il sistema di circolazione dell’aria. Simili i problemi degli ospedali, anche con casi di epidemie (si ricorderà la malattia del legionario) diffuse proprio attraverso le condotte d’aria.


  
Pubblicato da Redazione Blumine il 14/06/2011
Archiviato sotto studi/ricerche
Tags

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog