Sustainability-Lab News > Maeba International è la prima azienda a certificare un modello di economia circolare di recupero di tessuti. Nasce ReLive Tex

 

Maeba International è la prima azienda a certificare un modello di economia circolare di recupero di tessuti. Nasce ReLive Tex
Pubblicato da Aurora Magni il 29/05/2020 - 0 commenti - visualizzazioni: 616
  Voto    

Maeba International è un’ azienda italiana leader nella vendita all’ingrosso di tessuti ed accessori per abbigliamento, riconosciuta in tutto il mondo quale pioniere nello sviluppo di un sistema unico e innovativo. In un’area di oltre 12 mila metri quadrati a Vedelago (Treviso) dispone di oltre 3 milioni di metri di tessuto.

La mission dell’azienda consiste infatti nel recuperare eccedenze produttive da imprese tessili e brand per reinserirle sul mercato dopo una serie di processi di tracciabilità e controlli qualitativi. Un’operazione che ogni anno consente di allungare il ciclo di vita di volumi ingenti di tessuti, materiali di pregio che potrebbero altrimenti essere trattati come scarti di rimanenze tessili, con tutto quanto ne consegue e nel contempo avvicinando nuovi confezionisti e piccoli brand al mondo della sostenibilità.

Il modello di business sviluppato in tutti questi anni da Maeba International, assume oggi un significato particolarmente importante in una fase in cui l’industria tessile è contestata per lo spreco di materie prime e per la rilevante produzione di rifiuti, solo in misura marginale riciclabili.

 ‘Il tema dell’economia circolare è stato fin da sempre parte di noi’ ha dichiarato Savina Saporiti, Ceo di Maeba International, ‘da quando i miei genitori Martine e Angelo Saporiti hanno fondato l’azienda. L’esperienza svolta a fianco di importanti brand e produttori dell’eccellenza tessile italiana ci ha permesso di mettere a punto una modalità unica di lavoro che rappresenta un concreto contributo alla moda sostenibile. Al termine di una rigorosa attività di costante miglioramento dei nostri processi organizzativi interni, abbiamo finalmente ottenuto la possibilità di pregiare un’ampia selezione di tessuti con un’etichetta di asserzione ambientale di II tipo nel pieno rispetto alle indicazioni UNI EN ISO 14021/2016, diventando i primi a rileggere la proposta di vendita in questa nuova chiave’.

‘La conformità dell’asserzione ambientale è stata attestata da Centrocot spa, società che vanta un’esperienza trentennale nel campo della certificazione e del sostegno all’innovazione sostenibile.

‘La norma UNI EN ISO 14021:2016’ –ci spiega Stefania Dal Corso, responsabile Sviluppo sostenibile del Centro- consente a una azienda di dichiarare un contenuto di sostenibilità che nel caso di Maeba International riguarda il recupero di materiali. Per quanto si tratti di una dichiarazione di tipo II, il percorso comprende una verifica sulla veridicità delle dichiarazioni rese e sulla trasparenza delle informazioni. L’iniziativa svolta da Maeba International è la prima del suo genere ed è particolarmente interessante perché pone l’attenzione su un problema reale: lo spreco e la valorizzazione di materiali nell’industria della moda, per questo siamo particolarmente soddisfatti di aver accompagnato l’azienda in questo percorso’.

Da oggi, grazie a questa iniziativa, un range di tessuti recuperati da fornitori qualificati e ispezionati nei laboratori di Maeba International saranno contrassegnati dal logo ReLive Tex.

‘Abbiamo riflettuto a lungo sul messaggio da trasmettere con la nostra etichetta - conclude Savina Saporiti- Il logo rappresenta infatti un’armatura tessile in cui il tessuto in ingresso è evocato da un filo verde, la successiva rivalorizzazione da un tratto bianco e il tessuto promosso a nuova vita con una diversa tonalità. Un capo realizzato con i tessuti ReLive Tex permetterà ai nostri clienti di comunicare in modo documentato le proprie scelte di sostenibilità e ai nostri fornitori di rivalorizzare eccedenze produttive in una logica di economia circolare’.

Per la realizzazione del progetto ReLiveTex l'azienda si è valsa del supporto di Blumine.

Per saperne di più: info@maebaint.it

 

 

 


  
Pubblicato da Aurora Magni il 29/05/2020
Archiviato sotto fatti/attualità

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog