Sustainability-Lab News > Quando non partecipare è un autogoal

 

Quando non partecipare è un autogoal
Pubblicato da Aurora Magni il 04/04/2012 - 0 commenti - visualizzazioni: 3176
  Voto    

Stiamo parlando delle commissioni tecniche che nell’ambito del macrocosmo delle norme e delle certificazioni incidono su produzione, progettazione e vendita di prodotti e capi tessili. L’allarme è stato lanciato da Pietro Pin, presidente delle commissioni tessili di UNI e responsabile ricerca e innovazione  di Benetton Group durante il convegno svoltosi a Porto Marghera lo scorso 28 marzo dal titolo Le certificazioni, queste sconosciute. “Per difendere la competitività del made in Italy e della nostra filiera è fondamentale essere presenti là dove si definiscono le  modalità produttive e commerciali, in altre parole nei luoghi in cui prendono corpo le norme e i regolamenti. Purtroppo le imprese italiane e gli esperti del settore non partecipano come dovrebbero a queste azioni decisive”.

L’Unione Europea ha  recentemente incaricato una società inglese, la Matrix, di elaborare un modello di armonizzazione internazionale delle taglie e che dovrà esprimersi anche su made in , sicurezza chimica del prodotto e definizioni green.  Il testo dovrà  essere definito entro il 30 settembre 2013 poi  diventerà una direttiva europea. Una decisione che ha già creato scompenso e tensione tra gli addetti ai lavori: c’è infatti il rischio di subire approcci e concetti declinati da modelli di altri paesi e non funzionali alle esigenze del made in Italy. Come ha sottolineato Pin “è assolutamente necessario che le aziende e gli esperti italiani concertino posizioni e contribuiscano alle discussioni in corso: i danni al sistema produttivo di una direttiva non condivisa potrebbero essere davvero rilevanti”.

In altre parole? “E’ un invito ai tecnici e agli esperti che operano nelle aziende ma anche nei centri di ricerca e nelle università affinchè partecipino ai lavori in ambito UNI e alle commissioni promesse in ambito UE su temi specifici. Dove questo avviene (esempio: abbigliamento bambino, definizione del cashmere, per fare due esempi recenti) i risultati si vedono”. 

 

Nell'immagine, una parte del pubblico al convegno di Porto Marghera


  
Pubblicato da Aurora Magni il 04/04/2012
Archiviato sotto fiere/eventi
Tags

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog