Sustainability-Lab News > QUID, storie di moda e impegno sociale

 

QUID, storie di moda e impegno sociale
Pubblicato da Redazione Blumine il 04/01/2017 - 0 commenti - visualizzazioni: 2190
  Voto    

Iniziamo il nuovo anno raccontando la storia di una start up di successo che ha puntato sulla sostenibilità:  il Progetto Quid. Nato nel 2012 come Associazione di Promozione Sociale per iniziativa di un gruppo di giovani appassionati di moda ma con il cuore aperto alle tematiche sociali, oggi è una realtà  con oltre 20 dipendenti che coinvolge una rete di creativi, imprese produttrici di materiali e della distribuzione.

L’obiettivo di Quid: creare capi d’abbigliamento in una logica di sostenibilità offrendo opportunità di lavoro e crescita professionale a donne vittime di violenza, della tratta della prostituzione o ex detenute. I capi di abbigliamento e accessori sono realizzati in edizione limitata, hand-made, made in italy, con tessuti di fine-serie messi a disposizione da prestigiose aziende italiane. I tessuti vengono interpretati e valorizzati con creatività e gusto grazie al team di designer e assemblati nei lavoratori di Quid. La  linea di T shirt Freaks of Nature ad esempio nasce dalla collaborazione con un’artista che dipinge a mano ogni singolo capo rendendolo unico.

Tra le imprese fornitrici di tessuti ed accessori: Berto, Besani, Deimos, Delago, Erco Pizzi, Gilberto Capelli Maglificio, Grazia Bagnaresi, Hat Studio, Lanificio Faisa, Ledatex, Mabo, Maglificio Maggia, Mas, Mazzocchi Passamanerie, Mekkitess, Olimpias Group, Piave Maitex, Ratti, Serikos, Staff Jersey Tessuti, TBM Group, Tessitura Rossi, Tessuti d’Autore, Zanetti Moda.

I capi QUID sono acquistabili on line ma sono ormai presenti anche in molti punti vendita come indicato nel sito www.progettoquid.it


  
Pubblicato da Redazione Blumine il 04/01/2017
Archiviato sotto fatti/attualità

Commenti
Bisogna effettuare il login per poter lasciare un commento.

Attenzione: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
    
Rss Rss
Archivio blog